La Vergine Maria nell’Anno della fede

fineNel secondo giorno del triduo in preparazione alla solennità di Maria SS. di Costantinopoli, la riflessione su Maria ci è stata donata da don Vincenzo Di Pilato, teologo e rettore del Santuario della Madonna delle Grazie di Corato.

 

Cominciando la sua omelia don Vincenzo ha ricordato che siamo nell’anno della fede e che la parola fede deriva da un verbo ebraico che significa “Costruire sulla roccia”.

 

“La fede non è un qualcosa che ci rende immune dai problemi, ma è invece uno strumento che ci aiuta ad affrontare con la grazia di Dio le vicende della vita; la fede non entra in conflitto con la ragione, non è, quindi,  frutto delle credenze e dell’ignoranza , ma avere fede significa accogliere il progetto che Dio ha per noi”.

 

Continuando ha illustrato Maria come la donna della fede per eccellenza e, citando P. Raniero Cantalamessa, ha detto che la Madonna alle parole dell’angelo ha sicuramente risposto “Amen”, cioè “Credo”, avendo così fede in Dio fin dal primo istante. 

 

Ha parlato poi della crescita e della consapevolezza nella fede di Maria, ricordando due episodi narrati nel Vangelo ( Lc 2,41-52 e Mt 12,46-50), nel primo Gesù viene ritrovato da Maria e Giuseppe tra i dottori del Tempio, nel secondo invece Maria cerca di parlare con Gesù che riconosce come suo parente chiunque faccia la volontà di Dio, in entrambi i casi Maria viene messa a tacere da Gesù, ed ha nei suo confronti l’atteggiamento del discepolo. “Lei che è Madre diventa “seguace” del figlio”- ha continuato don Vincenzo parafrasando le parole di Dante nella Divina Commedia “Figlia del tuo Figlio”.

 

Don Vincenzo ha concluso dicendo che Maria è un esempio da imitare, una maestra di fede per noi cristiani, intendendo per fede non un semplice atto devozionale fatto senza pensare, ma l’atteggiamento di chi si pone alla sequela di Cristo, scegliendo di compiere la volontà di Dio, costruendo la propria casa sulla roccia.

Gianfranco Giorgio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.