Giornata di formazione con l’ANSPI e ACR

Il comitato zonale dell’anspi (associazione nazionale San Paolo Italia) ha organizzato, insieme con l’equipe diocesana di ACR, una giornata di formazione per animatori di oratorio che si svolgerà domenica 18 marzo(domani) presso la parrocchia SS. Crocifisso di Gravina in Puglia.

In mattinata si affronterà il tema della “Relazione educativa”, l’accento verrà quindi posto sul rapporto tra l’educatore e l’educando, in particolare questo tema si snoderà su due binari: il primo metterà in risalto l’importanza del ragazzo per l’educatore, il secondo si interesserà degli atteggiamenti che l’animatore deve avere nei confronti di chi frequenta l’oratorio.

Nel pomeriggio l’incontro proseguirà ed i partecipanti saranno invitati a dividersi in due gruppi, uno riservato agli animatori e l’altro ai parroci ed ai membri dei consigli pastorali e degli affari economici. Nel primo si continuerà a fare formazione, il tema affrontato sarà “ Le dinamiche e la gestione dei gruppi”, anche in questo caso

ci sarà una doppia trattazione dell’argomento, si partirà dalla definizione di gruppo per arrivare poi a descrivere la sua gestione all’interno di un contesto sociale specifico.

Contemporaneamente a questo incontro di formazione se ne svolgerà un altro di tipo tecnico, in quest’ultimo sarà affrontata la progettazione di un circolo anspi, ancora una volta il discorso si articolerà in due differenti vie: nella prima, intitolata “Il progetto d’oratorio”, si darà la definizione d’oratorio e di progetto d’oratorio, nella seconda intitolata “Progettare un circolo”, saranno descritte le procedure legali per poter costituire in parrocchia un oratorio e saranno dati consigli su come poter integrare la realtà oratoriale con quella parrocchiale così da non farle sentire una estranea all’altra.

E’ doveroso fare un ringraziamento agli organizzatori di questa giornata, si spera che i partecipanti facciano tesoro delle proposte e delle riflessioni che da essa verranno fuori così da poter avere degli oratori che siano prima di tutto luoghi di formazione dove si è educati al rispetto degli altri e di noi stessi.

Gianfranco Giorgio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.