Quaresima e Via Crucis

Nel tempo di Quaresima i cristiani pregano con il pio esercizio della “Via Crucis”, questa ha avuto origine nel Medio Evo inoltrato quando al sentimento di pietà verso la “Passione di Cristo” si sono aggiunti l’entusiasmo delle crociate per il recupero del S. Sepolcro, il fiorire dei pellegrinaggi in Terra Santa e la presenza stabile dei frati minori francescani nei “Luoghi Santi”.

Nel 1294 il frate domenicano Rinaldo di Monte Crucis ha descritto il suo pellegrinaggio verso il S. Sepolcro illustrando le varie “Stationes”, luoghi nei quali Gesù aveva incontrato particolari personaggi come Simone di Cirene e le pie donne.

La Via Crucis è nata dalla fusione di tre diverse devozioni:

* la devozione alle “Cadute di Cristo”, se ne enumerano sette;

* la devozioni ai “Cammini dolorosi di Cristo”: dal Getsemani alla casa di Anna (Gv 18,13), da questa alla casa di Caifa (Gv 18,24; Mt 26,56), al pretorio di Pilato (Gv 18,28; Mt 27,2) e al palazzo di Erode (Lc 23,7);

* la devozione alle “Stazioni di Cristo”, momenti nei quali Gesù si ferma durante il suo cammino o perché costretto, o perché stanco o perché incontra qualcuno.

La Via Crucis nella sua forma attuale, con le quattordici stazioni disposte nell’ordine seguito tuttora, era già presente in Spagna nella prima metà del XVII secolo.

La nostra comunità parrocchiale vivrà la “Via Crucis” ogni venerdì alle ore 19:00, la prima sarà animata dall’intera comunità come segno di avvio del cammino quaresimale, nelle altre, invece, vi sarà l’alternanza delle varie realtà parrocchiali quali la Caritas, l’Azione Cattolica, l’Agesci e la Comunità Neocatecumenale.

Il Gruppo Liturgico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.