L’AGESCI, Associazione Guide E Scout Cattolici Italiani, è un’associazione che accoglie e riunisce capi e ragazzi. Lo scopo dell’associazione è educare i ragazzi a diventare i buoni cittadini del domani tramite

–     le attività e metodo specifico dello scoutismo;

–     un cammino specifico di catechesi attiva e vissuta;

–     un cammino graduale di formazione al servizio di volontariato integrato nel territorio cittadino.

Lo scoutismo: quando e perché

Il movimento scout è nato da un’idea di Robert Baden Powell (1857-1941), ufficiale dell’esercito britannico, per oltre trent’anni in servizio nelle colonie inglesi in India, Africa e nel Mediterraneo.

Fu proprio una delle sue missioni, l’assedio di Mafeking, che lo indusse a riflettere sull’importanza dell’educazione dei ragazzi.

Tornato in Inghilterra scoprì che Aids to scouting, un opuscolo che aveva scritto per i suoi soldati, era  divenuto un vero e proprio manuale, sempre più usato da insegnanti ed educatori. Decise dunque di dedicarsi ad un progetto educativo verso i ragazzi, con lo scopo di insegnare loro ad essere buoni cittadini in tempo di pace.

Nel 1907 Baden Powell organizzò il primo campo scout del mondo, sull’isola di Brownsea, e l’anno successivo fu pubblicato Scouting for boys, il libro alla base del metodo scout.

Nel 1909 gli scout inglesi erano oltre centomila. Ciò indusse Baden Powell a organizzare l’associazione scout aprendovi le porte, cinque anni dopo, anche alle ragazze.

 

 

Lo scoutismo in Italia

Il movimento scout si diffuse ben presto in tutto il mondo.

La prima associazione scout italiana, il CNGEI (Corpo Nazionale Giovani Esploratrici ed Esploratori Italiani) fu fondata nel 1913. Tre anni dopo nacque la prima associazione scout cattolica, l’ASCI (Associazione Scoutistica Cattolica Italiana, dal 1966 Associazione Scout Cattolici Italiani).

Nel 1928, dopo aver ampiamente perseguitato i loro membri con soprusi e violenze, il regime fascista ordinò lo scioglimento di tutte le associazioni scout.

Nonostante il divieto, diversi gruppi proseguirono clandestinamente e in modo spontaneo le proprie attività. Lo scoutismo clandestino ebbe parte attiva durante la guerra: furono numerosi i ragazzi e i capi che presero parte alla Resistenza, collaborando in modo diretto con i partigiani. I più attivi furono i ragazzi del gruppo scout di Milano, le cosiddette Aquile Randagie, i quali fondarono l’OSCAR (Organizzazione Scout Cattolica Assistenza Ricercati) con lo scopo di far passare in Svizzera prigionieri di guerra e ricercati politici.

Intanto, nel 1943, le porte dello scoutismo cattolico si erano aperte anche alle donne, con la nascita dell’Associazione Guide Italiane (AGI).

L’Associazione Guide e Scout Cattolici Italiani (AGESCI) è nata nel 1974 dalla fusione di AGI e ASCI.

I Capi, donne e uomini impegnati volontariamente e gratuitamente nel servizio educativo, offrono ai ragazzi i mezzi e le occasioni per una maturazione personale e testimoniano le scelte fatte liberamente e vissute con coerenza.

Il Metodo scout si caratterizza per

  • L’autoeducazione
  • L’esperienza e l’interdipendenza tra pensiero e azione
  • La vita di gruppo e la dimensione comunitaria
  • La coeducazione
  • La vita all’aperto
  • Il gioco
  • Il servizio verso gli altri.

L’associazione offre ai ragazzi la possibilità di esprimere le proprie intuizioni originali e di crescere così nella libertà, inventando nuove risposte alla vita con l’inesauribile fantasia dell’amore.

 

Gruppo Scout Acquaviva delle Fonti 1

Il Gruppo Scout Acquaviva delle Fonti 1 è nato ufficialmente il 22 novembre 1994, sebbene già dal 1992 l’AGESCI fosse presente sul territorio cittadino.

I ragazzi sono divisi in tre branche, a seconda della loro fascia di età:

–          Il Branco accoglie Lupetti e Lupette dagli 8 agli 11 anni

–          Il Reparto accoglie Esploratori e Guide dai 12 ai 16 anni

–          La Comunità R/S è composta da Rover e Scolte dai 17 ai 21 anni.

Gli educatori che svolgono servizio attivo con i ragazzi formano la Comunità Capi.

Attualmente il gruppo è composto da circa 25 ragazzi/e tra Lupetti e Lupette, 20 tra Esploratori e Guide e 15 tra Rover e Scolte, seguiti da 16 Capi.

 

Quando si incontrano le branche

Branca L/C (8-11 anni)                   SABATO               15,30-17,30

Branca E/G (12-16 anni)               SABATO               16,00-18,00

Branca R/S (17-21 anni)                                GIOVEDI              20,00-22,00

Comunità Capi (educatori)          MARTEDI            20,00-22,30 ogni 15 giorni

La Branca R/S si incontra presso i locali della Parrocchia di Sant’Agostino di Porta San Pietro, al di sopra dei locali della Caritas. Le altre branche e la Comunità Capi si riuniscono invece nel seminterrato della Scuola Elementare De Amicis, a cui si accede dal cortile interno della scuola.

 

Calendario eventi Anno Associativo 2011-2012

23 ottobre 2011                               Assemblea di Zona

29-30 ottobre 2012                         Uscita di apertura dell’Anno Associativo 2011-2012

13 novembre 2011                         Assemblea Regionale

20 novembre 2011                         Uscita di Comunità Capi

8 dicembre 2012                              sagra delle pettole

22 febbraio 2012                             Thinking Day (Giornata del Pensiero)

23 aprile 2012                                   San Giorgio, patrono degli Esploratori e delle Guide

20 maggio 2012                anniversario inaugurazione Giardino Baden Powell

29 giugno 2012                                 San Paolo, patrono dei Rover e delle Scolte

Giugno e luglio 2012                      preparazione campi estivi

1-10 agosto 2012                             campi estivi

4 ottobre 2012                                 San Francesco d’Assisi, patrono dei Lupetti e delle Lupette